8.11.17

Dalla Sicilia che messaggio ci arriva ?



Semplifico dicendo che se Berlusconi, al di la dei suoi problemucci con i giudici è esattamente il nuovo che avanza - torna a vincere e se il Movimento 5 Stelle malgrado il ”caso Roma” e qualche altro incidente di percorso - è il primo partito vuol dire una cosa sola povera Sicilia e poveri siciliani. Che la Sicilia, ma forse potrei scrivere l'Italia, è disposta a tutto, incluso innestare la retromarcia, pur di cambiare, vuol dire che i partiti che sanno combattere uniti sanno anche vincere insieme. Quelli che si presentano da soli vincono, ma non vanno a governare e quelli che si dividono - e non è solo un'ovvia deduzione, ma una considerazione su una politica elitaria sempre più incapace di ascoltare gli elettori -  sanno solo perdere e far perdere, in regolamenti di conti, ai più ormai incomprensibili. Il messaggio che arriva oggi dalla Sicilia, per paradosso, riguarda tutti, chi ha vinto e chi ha perso. Il voto infatti non è mai un assegno in bianco, è una scelta che nel nostro paese è provvisoria più che mai. Al punto che chi governa, quasi ovunque, perde sempre le successive elezioni. Inutile prendersela  con chi non va a votare - partito che in Sicilia e sopratutto a Ostia ha ormai la maggioranza assoluta - accusare chi parla solo di sicurezza, chi evoca e alimenta la paura del diverso o chi non ha capito chissà quale altro messaggio. L'elenco degli alibi e delle attenuanti generiche s'allunga e si modifica ogni volta, ma alla fine conta solo cosa capiscono, fanno, vogliono e decidono gli elettori. Dei quali forse sarebbe meglio occuparsi ogni giorno, anzichè ogni volta che si vota

@enio
 

5 commenti:

  1. Renzi ha fatto di tutto per farli vincere, forse lui non voleva più saperne dalla regione a Statuto Speciale a nome Sicilia. La regione che ha assunto 24000 mila guardi forestali, dove i suoi impiegati si fanno rimborsare 28 caffe giornalieri e dove si sono spesi milioni in rimborsi per cancelleria... milioni per pagare penne e matite usate in un anno !

    RispondiElimina
  2. I problemi della Sicilia e dei Siciliani sono molto più antichi di Berlusconi e di Renzi. Sono una delle conseguenze dei problemi generali dell'Italia.

    Ma le elezioni in Sicilia sono irrilevanti, cosi come le elezioni in Italia, stante il processo di smantellamento degli Stati nazionali per confluire in una entità sovra-nazionale vaga a cui ci si riferisce con l'espressione "Europa" e che un domani, chissà, diventerà "Mondo".

    Infatti leggendo i giornali la contrapposizione è tra i "progressisti" o "illuminati" che sostengono appunto la abolizione degli Stati nazionali e i "populisti" che, instillando le famose "paure", incitano il popolo ignorante a rimanere aggrappato ad errori del passato come l'indipendenza e l'auto-determinazione dei Popoli, appunto.

    Le elezioni siciliane non ci dicono niente. Se gli Italiani capissero cosa gli stanno preparando, ci sarebbero le barricate e la gente col moschetto in pugno come nell'Ottocento, quando gli avi cominciarono a sventolare il tricolore.

    RispondiElimina
  3. e poi nun c'è stato nemmeno bisogno né de parlà der ponte né de firmà er contratto cor relativo giuramento sulla testa dei propri figli. Er bobbolo, l'artefice dei nostri destini, è corto de memoria e pe' nun passà pe' scemo rifiuta pure l'unica occasione, offerta aggratiss, de mannalli tutti affanculo legalmente.
    Che lo faccia per continuare a fregiarsi degli aggettivi (amato, generoso, immaginifico)con cui tutti NOI che graviamo sulle sue spalle lo gratifichiamo??

    RispondiElimina
  4. Io, Enio, te lo semplifico ancora di più il tuo discorso su quale sia il problema dei siciliani. E' uguale a quello dei campani, dei marghigiani, dei toscani, dei piemontesi, dei veneti... è lo stesso problema dall'estrema punta a nord del paese fino all'altra estrema punta del sud dello stesso. E' uno solo il problema di questo fottuto paese. Siamo noi elettori. Loro, i politici incapaci, i politici ladri, i politici arroganti... con un popolo elettore come il nostro, possono solamente dormire sonni tranquilli, ingrassare sulle nostre spalle e ridere, ridere tanto di un simile popolo idiota!

    Il resto, un ritorno di B, un centrosinistra vergognoso, i fascisti che tornato... chiacchiere inutili.

    RispondiElimina
  5. ma non basta unirsi per
    vincere

    RispondiElimina